Diario-Filo-9

Il filo – IX

Anche la dodicesima missione al St. Mary’s Hospital è finita. Vissuta come sempre intensamente, quasi in apnea. Dalla mattina fino a tarda notte per tre settimane, attorno ai bambini e alle loro famiglie da confortare e supportare.

È il momento delle ultime foto rubate per non spezzare il filo invisibile con questo posto magico, dove le sofferenze quotidiane, per noi impensabili, si inseriscono in una vita combattuta e vissuta con bisogni “essenziali” e sogni apparentemente “banali”.

Ci porteremo a casa il ricordo dei sorrisi immensi di bambini inizialmente impauriti e poco disponibili alle nostre tenerezze. Gli sguardi preoccuparti dei genitori che d’un tratto vedono andar via chi ha portato loro speranza. La loro gratitudine e quella dei nostri amici medici e infermieri con cui abbiamo condiviso gioie e dolori… sono stati vera energia per il nostro corpo!

Tutti sussurrano “apwoyo”, che in lingua acholi significa “grazie di cuore”. In tutti noi i volti sono stanchi ma distesi e sorridenti, il cuore e la mente sono pieni di emozioni ancora disordinate ma tutte positive e forti, da coccolare con calma, da analizzare a mente fredda e da diffondere tra gli amici.

Grazie di cuore a chi non ci ha fatto sentire soli lontano da casa 
Apwoyo 

Diario di Uganda 2017 

CONDIVIDI QUESTO ARTICOLO

Condividi su facebook
Condividi su google
Condividi su twitter
Condividi su linkedin
Condividi su pinterest
Condividi su print
Condividi su email

Le ultime dalla pagina FB

Gli ultimi articoli

I prossimi eventi

Aiutaci a scrivere nuovi contenuti

Ti piace scrivere e vorresti sostenere la causa di Surgery for Children? Sarebbe bellissimo!
COLLABORA